giovedì 21 aprile 2011

[RECE] The Pretty Reckless - Light Me Up




Stavolta cambiamo un po' argomento. Era un po'che volevo scrivere questa recensione, ho continuato a dimenticarmene.

I Pretty Reckless sono il gruppo fondato e voluto da Taylor Momsen, che è famosa ai più per due motivi: 1) era una candidata ad essere Hannah Montana 2) E' (o meglio è stata) una delle protagoniste di Gossip Girl (che, va detto, ho seguito in buona parte, finchè il mio cervello si è rifiutato di collaborare ed è andato in sciopero).
Dunque è lecito chiedersi: Isa ma sei rincoglionito? La risposta è no.
Perchè nonostante il suo background, che l'avrebbe portata a fare un dischetto pop come tanti, uno di quei dischi che gli attori fanno a tempo perso, che vengono a malapena pubblicati, e che comprano solo i fan sfegatati, la giovanissima (appena maggiorenne) ragazza ha voluto e creato un disco rock con i controcazzi. E non sto esagerando.
La Momsen ha avuto una mutazione personale e estetica non indifferente, sfoggiando praticamente da un giorno all'altro un look da bad girl da brividi. Mutazione estetica affatto fine a se stessa, e la prova è questo disco.
Non c'è dubbio che buona parte del lavoro sia stato fatto dal molto abile produttore del disco, ma non bisogna affatto togliere meriti alla ragazza, che non solo l'ha voluto così (quando, ripeto, avrebbe potuto fare un dischetto del cazzo e vendere il triplo), ma l'ha composto e supportato in tour, dimostrando di saperci fare e non poco (live non ha nulla da invidiare alla performance su disco, fatevi un giro su youtube).
Voce ruvida (per quanto può esserlo la voce di una ragazza diciassettenne), in un certo modo alcolica, rock all'inverosimile, melodica quanto basta. Aggiungete a questo un'ottima composizione dei pezzi, un disco che in dieci canzoni e 34 minuti di durata non sbaglia un colpo, alternando pezzi più "cattivi" ad ottime ballad (o splendide vie di mezzo come la mia preferita in assoluto, "Just Tonight"). Pregio non da sottovalutare, non è un disco con tre singoli e sette riempitivi, ma dieci ottimi pezzi, diversi tra loro ma perfettamente armonici. Inutile fare un track-by-track, è un disco che scorre via benissimo, coinvolge un sacco, e che non stanca mai (anzi, è difficile staccarsene).
La ragazza non è solo gran gnocca (anche se forse è un po' troppo zoccola esteticamente per i miei gusti) ma ci sa fare un sacco. E per promuovere il suo gruppo e dare tutta se stessa sta facendo impazzire i produttori di Gossip Girl. Mi ride anche il didietro.

In due parole, fatelo vostro, a me fa impazzire, spero possa piacere anche ad altri.

Qui sotto i tre video che sono stati pubblicati, che rendono molto bene la qualità del disco, ma non la esauriscono...







Bello bello bello!!!

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari