venerdì 20 settembre 2013

[RECE] Federico Guerri - Questa sono io

"Questa sono io" è l'opera prima (come romanzo) di Federico Guerri, che ho "conosciuto" come Sindaco di "Mondo di Nerd", una delle pagine più simpatiche e meglio curate (IMHO) della comunità "nerd" facebookiana. Ho comprato questo libro a occhi chiusi: la versione Kindle costa meno di 5 € (e, per la cronaca, è il primo e-book che compro) e di base andavo sulla fiducia.
Non sapevo cosa aspettarmi. Non sapevo nemmeno di cosa parlava. Nemmeno il genere.
Il libro si apre nel modo migliore per attirare il mio affetto, cioè con una delle citazioni più famose di Dio Joss (“Q: So, why do you write these strong female characters? Whedon: Because you’re still asking me that question.”), accompagnata da una citazione dell'Otello di Shakespeare.
Il romanzo è composto da tre macrosequenze che raccontano la stessa storia in modo diverso.
In soldoni, la protagonista è Laura Prete (ci scommetto che il nome è una citazione a Laura Palmer, ma magari è un'idea mia), una giovane ragazza di provincia e la sua ascesa al successo in un'Italia parallela ma molto vicino a quella reale. Non si utilizzano nomi reali né di personaggi né di trasmissioni televisive ma i riferimenti sono abbastanza chiari (anche se superflui per gli scopi del libro).
Quello che rende particolare il romanzo sono appunto i tre modi in cui la storia viene raccontata: nella prima sequenza Laura è una ragazza innocente, nella seconda una ragazza disposta a qualsiasi cosa per arrivare al successo, nella terza una fredda calcolatrice. Ogni storia è completa in se stessa, ma viene arricchita dalle altre due, creandone di fatto una quarta nella mente del lettore, che si trova a decidere a quale versione della storia credere.
L'incipit è potentissimo, e dimostra da subito sia lo stile che la qualità della scrittura del suo autore. L'opera è scorrevolissima pur essendo, in parecchi passaggi, decisamente pesante a livello tematico (in particolare la seconda sequenza). Altrettanto efficace il finale, che chiaramente funziona sia come finale della terza "versione" che del libro tutto.
Non è perfetto, forse in alcuni passaggi pecca di pedanteria (è troppo esplicativo), ma è veramente cercare il pelo nell'uovo in un lavoro confezionato alla grande, che non annoia mai e che dimostra una notevole capacità del suo autore (che non vedo l'ora poter leggere di nuovo).
Non sono volutamente andato nei dettagli della storia, è un libro breve ma molto intenso che consiglio a chiunque.
Se vi interessa, qui trovate sia la versione cartacea che digitale.

Post più popolari